Se hai subito un’ingiustizia e la vita ti ha portato via la persona che amavi, leggi la parabola del bambino e il mare

Se hai subito un’ingiustizia e la vita ti ha portato via la persona che amavi, leggi la parabola del bambino e il mare

Tutti noi ci siamo sentiti almeno una volta vittime di un’ingiustizia. I problemi della vita, infatti, sono molteplici e spesso ci prendono alla sprovvista, gettandoci in stati deleteri e di sconforto.

La verità è che ci sono molti fattori esterni che sfuggono al nostro controllo.

ingiustizia

Il fatalismo incombe costantemente nelle nostre vite e l’unica alternativa che abbiamo è prendere consapevolezza della nostra impotenza. Molte persone considerano la vita ingiusta.

Tantissime persone hanno visto morire i loro affetti prematuramente senza potersi opporre in alcun modo.

Tante persone hanno dovuto fare i conti con lutti inaspettati e lottare giorno dopo giorno per riprendersi dal trauma e ricostruirsi una vita “normale”.

Se tu che stai leggendo hai dovuto passare o stai tuttora passando un momento di estremo dolore, sappi che questa parabola farà al caso tuo.

Al termine della lettura, potresti scoprire che vi sono cose che non cambieranno mai e che nemmeno un’ingiustizia può intaccare.

LA PARABOLA DEL BAMBINO E IL MARE

Tutti i giorni, un bambino di 10 anni si recava in spiaggia e scriveva sulla sabbia il seguente messaggio: “mamma ti voglio bene”. Dopodiché, aspettava che il mare cancellasse la scritta prima di correre via.

Il bambino ripeteva il seguente rituale tutte le mattine, e lo eseguiva sempre con il sorriso stampato sulla giovane faccia.

Un signore anziano dall’aria molto triste passava di lì tutti i giorni a piedi, e ogni volta si fermava a guardare la scena del bambino sorridente. L’uomo vedeva il piccolo scrivere giorno dopo giorno la stessa frase rivolta a sua mamma e guardare sorridente il mare mentre gliela portava via.

Fra sé e sé pensava a quanto fosse stupido quel gesto. Un bel giorno, l’uomo decise di avvicinarsi al bambino per chiedergli quale senso avesse ciò che faceva ogni mattina.

– “Perché scrivi tutti i giorni sulla sabbia “mamma ti voglio bene”, se poi tanto il mare porta via le tue parole?”, disse l’anziano uomo.

ingiustizia

Il piccolo, dopo aver assistito all’ennesima frase cancellata dall’acqua salata del mare, alzò lo sguardo dalla sabbia e lo rivolse all’uomo. Dopo un attimo di esitazione, pronunciò le seguenti parole:

– “Io non ce l’ho più la mamma. Qualcuno me l’ha portata via troppo in fretta, proprio come fa sempre il mare con le mie scritte.

E allora io torno qui ogni giorno, per ricordare al mare e a chiunque mi abbia portato via la mamma che non si può cancellare l’amore che ho provato e che continuerò a provare per lei”.

Dopo aver ascoltato quelle parole, dagli occhi dell’anziano signore iniziarono a scendere delle lacrime. L’uomo chiese al bambino il bastone che teneva nella sua mano destra e, inginocchiandosi sulla sabbia, scrisse le seguenti parole: “Maria ti amo”.

Maria era il nome di sua moglie, che era venuta a mancare solamente qualche giorno prima. Dopodiché, prese la mano al bambino e assieme guardarono la scritta sparire tra le acque del mare.

NEMMENO UN’INGIUSTIZIA PUÒ CAMBIARE CIÒ CHE SENTI DENTRO

In questa vita nulla dura in eterno e nessuno potrà restare a lungo su questo pianeta. Il destino potrà pur privarci in qualsiasi momento di ogni cosa, persino della persona che più amiamo al mondo.

Ma se l’abbiamo amata davvero, niente e nessuno potrà mai cancellare dalla nostra mente il suo ricordo. E allora sì che vivrà per sempre… all’interno del nostro cuore.

I problemi potranno pure ingrigire la tua realtà esteriore, ma, se non glielo concederai, mai e poi mai riusciranno a scolorire quella interiore.

Anche le tempeste più violente sono destinate a finire, ed è soltanto una questione di tempo prima che l’arcobaleno della serenità torni a colorare le tue giornate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da copyrigth