Perché la mirra fu donata a Gesù?

Perché la mirra fu donata a Gesù?

Esiste in natura una pianta dalle comprovate proprietà curative a cui sono anche attribuite capacità magiche. Si tratta della mirra, il più misterioso dei doni che, secondo i Vangeli, i Re Magi portarono al Bambin Gesù, tanto che ancora oggi molti neppure sanno cosa sia.

mirra

Cos’è la mirra?

La mirra è una resina aromatica dalla Commiphora myrrha, una pianta arbustiva originaria di Penisola Arabica, Mesopotamia e India.

Dal colore arancio-dorato, il suo caratteristico profumo e i suoi oli essenziali sono conosciuti e utilizzati sin dall’antichità.

Messaggi dall'universo libro

Gli egizi, infatti, la utilizzavano nel processo di imbalsamazione delle mummie.

Dalla Bibbia, invece, sappiamo che era uno dei componenti degli oli sacri usati nelle cerimonie.

Anche nella Grecia antica era conosciuta e utilizzata, tanto da legarne l’origine a un episodio mitologico.

Mirra, figlia del re Cinira ( o Teia), viene trasformata dagli dei in un albero dalla resina profumata, la mirra appunto.

Dopo nove mesi l’albero si aprì e dal suo fusto venne alla luce Adone, simbolo della giovanile bellezza maschile.

Nella medicina cinese, invece, la mirra fu introdotta nel VII secolo e da allora utilizzata per trattare emorragie, dolori e ferite.

Proprietà benefiche di questa pianta

La mirra è utilizzata oggi sia in campo farmaceutico che nell’industria profumiera.

L’olio essenziale, infatti, possiede proprietà analgesiche e antinfiammatorie.

È utilizzato per curare i disturbi del cavo orale e per le sue caratteristiche cicatrizzanti.

Inoltre, agisce a livello tiroideo e stimola anche il fegato a metabolizzare il colesterolo cattivo.

Il profumo emanato dalla mirra, invece, invita al raccoglimento e alla meditazione.

In India gli sono attribuiti funzioni afrodisiache, dato che è usanza per lo sposo farne uso la prima notte di nozze.


Proprietà magiche

Sono attribuite anche proprietà magiche.

Infatti, il suo profumo è utilizzato per purificare gli ambienti e aumentarne il livello energetico, riequilibrando il mondo spirituale con quello materiale.

Sacra alla Grande Madre, la mirra è considerata una sostanza capace di curare le ferite emozionali del cuore.

In particolare, questa capacità si ottiene combinandola con incenso, franchincenso e quarzo rosa.

Potrebbe interessarti leggere anche: L’acqua di San Giovanni. Preparala nella notte magica:

error: Contenuto protetto da copyrigth