OM, il sacro simbolo orientale da cui tutto ebbe origine. Quale dei 2 scegli?

OM, il sacro simbolo orientale da cui tutto ebbe origine. Quale dei 2 scegli?

OM, il sacro simbolo orientale da cui tutto ebbe origine. Con il test di oggi vogliamo aiutarvi a scoprire la vostra reale essenza. Ciò che andremo a fare è analizzare nel dettaglio due importanti prerogative dell’essere umano, ovvero la mente e lo spirito. L’obiettivo è quello di permettervi di riconoscere il vostro punto di forza, ciò che contraddistingue la vostra esistenza.

Tuttavia, prima di fare questo, volevamo fare un passo indietro. Quando si parla di esistenza, infatti, dobbiamo necessariamente parlare del sacro simbolo orientale, chiamato OM, ovvero il suono/simbolo da cui tutto ebbe origine.

IL SIGNIFICATO DEL SIMBOLO SACRO

Come anticipato, questo simbolo è conosciuto e venerato soprattutto in Oriente. Viene soventemente pronunciato nel corso di preghiere e cerimonie tipiche, oltre ad essere presente in molti testi sacri. La tradizione orientale sostiene che sia proprio la vibrazione “OM” quella primordiale, ovvero quel suono da cui scaturì la nascita dell’intero Universo.

LE 3 SILLABE MADRI

Il termine OM, in lingua sanscrita, è composto da 3 ulteriori sillabe: A, U e M. Queste sono definite sillabe madri, poiché generatrici di ogni cosa e rappresentanti dei 3 stati di coscienza tipici dell’individuo:

A: fa riferimento allo stato di veglia, alla coscienza che ogni individuo ha e manifesta attraverso i sensi. Rappresenta ciò che le persone provano e vivono quando non dormono.

U: è associata allo stato di sogno, all’inconscio. In questo stato, l’essenza e la volontà dell’individuo si manifestano al suo interno. Rappresenta ciò che le persone provano e vivono quando dormono.

M: è lo stato di sonno profondo, privo di alcun sogno. Qua la mente cessa ogni tipo di attività. Rappresenta l’incapacità dell’individuo di agire e pensare.

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEL SIMBOLO ORIENTALE

Le 3 sillabe madri sono raffigurate graficamente con il numero 1 (sillaba M), 2 (sillaba A) e 3 (sillaba U). Nella parte alta del simbolo, invece, troviamo il punto 4 e il punto 5. La mezzaluna (n.4) è ciò che separa il punto dalle alle tre curve, già citate ed argomentate in precedenza.

Rappresenta l’ostacolo che ci impedisce di raggiungere la beatitudine totale. Qui, arriviamo finalmente al punto (n.5). Questo rappresenta la quarta ed ultima coscienza, definita la coscienza somma. È uno stato di tranquillità e felicità suprema, di illuminazione, pace e beatitudine totale.

Ma adesso torniamo al test citato ad inizio articolo. Hai scelto una delle due immagini? Bene, adesso scopriamo il loro significato.

simbolo orientale

SE HAI SCELTO L’OM NUMERO 1:

Devi avere maggior controllo dei tuoi pensieri. La tua mente vaga troppo liberamente e questo fa si che tu soffra spesso di ansie e paranoie. Il controllo mentale è sicuramente il tuo punto debole, ciò su cui dovresti lavorare maggiormente.

Il tuo punto di forza, però, è lo spirito. Hai all’interno una forza pazzesca, che se massimizzata da un efficace controllo mentale ti garantirebbe il conseguimento di ogni tua volontà.

SE HAI SCELTO IL SIMBOLO ORIENTALE NUMERO 2:

In questo caso, hai una volontà tendenzialmente pigra e arrendevole. Il tuo punto debole è lo spirito, per questo dovresti concentrarti maggiormente su di esso, ponendoti continuamente degli obiettivi e motivandoti ogni singolo giorno.

Hai però una mentalità di ferro, le sue potenzialità sono davvero incredibili e ti permettono di superare ogni ostacolo, indipendentemente dalla sua grandezza. Spezzarti mentalmente è davvero difficile, ma lo sarà ancor di più quando risveglierai le potenzialità assopite del tuo spirito.

Se questo articolo ti è servito lascia un commento e condividilo con chi pensi possa averne bisogno.

Scegli un Buddha tra questi 3 e leggi il tuo messaggio profetico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da copyrigth