La nostra connessione con il cosmo dipende dalla ghiandola pineale. Ecco il grande segreto che ti riguarda in prima persona:

La nostra connessione con il cosmo dipende dalla ghiandola pineale. Ecco il grande segreto che ti riguarda in prima persona:

L’epifisi, più comunemente detta ghiandola pineale o terzo occhio, è un organo situato al centro del nostro cervello. All’interno di essa, vi è la produzione della molecola DMT, ovvero la molecola dello spirito.

È grazie ad essa che possiamo sperimentare le fasi esoteriche della nostra vita, le visioni, le sensazioni, i sogni e le esperienze astrali.

ghiandola pineale

Questo organo, di cui è provvisto ogni essere umano, è considerato lo scettro della conoscenza occulta e, secondo diverse fonti e ricerche, pare sia stato fortemente danneggiato nel tempo.

L’OFFUSCAMENTO VOLONTARIO DELLA GHIANDOLA PINEALE

Secondo antiche dottrine, la nostra eccessiva razionalità e la nostra costante esigenza di sapere sono indici dell’offuscamento di questa parte del nostro essere.

Pare, infatti, che il nostro terzo occhio sia, ad oggi, messo in condizioni di non poter esprimere gran parte del suo potenziale. Diverse fonti sostengono la tesi che vede la vecchia Unione Sovietica protagonista di diversi esperimenti a riguardo.

Ciò che è emerso da quegli studi ha del clamoroso: pare che l’epifisi venga danneggiata quotidianamente attraverso stratagemmi alimentari, medicinali e scie chimiche.

In particolare, pare che riempendola di fluoruro di sodio il suo potere venga notevolmente danneggiato. In media, nell’arco della nostra vita beviamo sostanze contenenti un quantitativo di fluoruro di sodio pari al 90%.

La notizia negativa è che sembrerebbe non vi sia modo di filtrare agevolmente questa spazzatura propinataci. Occorrerebbe distillare l’acqua o praticare l’osmosi inversa.

LA GHIANDOLA PINEALE POTREBBE POTENZIALMENTE ESSERE LA CHIAVE PER ENTRARE IN UN NUOVO MONDO

Questa piccola area del nostro cervello a forma di cono di pino (dal quale ha ottenuto il nome) è responsabile della connessione tra la nostra sfera fisica e quella spirituale.

In condizioni “normali”, il terzo occhio sarebbe la chiave per entrare in un nuovo mondo di comprensione.

Garantirebbe equilibrio, benessere e addirittura renderebbe capaci di comprendere intuitivamente situazioni e persone.

Vari insegnamenti antichi mostrano che, con la pratica avanzata, è possibile controllare i pensieri e le azioni di altre persone. Oltre a ciò, pare che sia anche possibile vedere a distanza e scorgere anticipatamente scenari futuri.

Ad oggi, la pratica più comune e diffusa volta a potenziare questo nostro organo misterioso risponde al nome di meditazione. Grazie a essa, infatti, è possibile allineare i chakra e favorire il processo di recupero.

L’EMBLEMATICO AFFRESCO DI MICHELANGELO BUONARROTI E IL SEGRETO DELLA GHIANDOLA PINEALE

“La creazione di Adamo”, ovvero l’opera più famosa del celebre Michelangelo, cela dietro di sé un significato tanto affascinante quanto misterioso.

Pare infatti che il pittore abbia voluto rappresentare una parte anatomica del nostro corpo sconosciuta ai più, lasciandoci segretamente in eredità un messaggio rivelatore. Secondo questa teoria, il dipinto non rappresenterebbe la creazione, bensì il cervello umano.

 

Michelangelo conosceva perfettamente la ghiandola pineale, in quanto avvezzo alla pratica della vivisezione. Pertanto, ogni sezione del dipinto ha un suo preciso significato che va a identificare una specifica area del cervello.

L’intento di Michelangelo, in sostanza, era quello di mettere Dio nella nostra mente, poiché in realtà il potere divino, a detta dell’artista, è situato in quella regione.

Il pittore stesso definiva la mente come “l’infinito potere di cui disporremmo se solo avessimo il pieno controllo delle nostre funzioni cerebrali”. Michelangelo, con il suo dipinto, non solo ha espresso di aver compreso il grande segreto dell’uomo, ma anche di sapere bene quale potere vive in noi.

Tuttavia, pare che questo dono divino venga compromesso mediante la manipolazione genetica.

Che ne pensate di questa teoria recentemente emersa? Potrebbe essere davvero un segreto celato oppure un semplice fantasticare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da copyrigth